QUANTO STUDIO, MA CHE SODDISFAZIONI AD ESSERE UN INSEGNANTE FELDENKRAIS!

Ho letto recentemente un interessante articolo sul sito della mia collega ed Insegnate Feldenkrais Caterina Marzoli, sulle capacità, conoscenze e competenze necessarie per essere un Insegnante Feldenkrais. 

Mi è piaciuto perché il Metodo Feldenkrais è ancora molto poco conosciuto in tutte le sue potenzialità e soprattutto si sa poco (anche tra le persone che frequentano i miei corsi) di quanto studio, quanto approfondimento sia necessario per diventare degli esperti del movimento umano. E da questo punto di vista Caterina fornisce molti interessanti approfondimenti cui rimando tutti coloro che volessero curiosare in questo mondo o che volessero intraprendere questa professione. 

Personalmente quando ho conosciuto il Metodo Feldenkrais me ne sono innamorata al punto tale da investire parecchi soldi e 4 anni della mia vita (160 giornate per 800 ore di formazione!) per diventarne insegnante, un risultato che è stato possibile raggiungere solo grazie a tanta motivazione e determinazione!

Oggi come insegnante di Metodo Feldenkrais,  posso dire che questa lunga esperienza di studio e di pratica mi permette di lavorare con la persona a tutto tondo, non solo mirando a ridurre un dolore o a migliorare la funzionalità di un arto ma aiutando la persona a sentire il proprio corpo in modo più consapevole e aprirsi a tutte le sue potenzialità motorie.

Tutto questo è per me motivo di forte motivazione e i risultati raggiunti da alcuni dei miei allievi sono di grande soddisfazione. Lascio la parola a qualcuno di loro perchè esprimono il loro vissuto molto meglio di quanto possa fare io: 

Domenico A.:

Sono circa 2 anni che pratico il metodo feldenkrais, ci sono arrivato casualmente tramite internet; prima di iniziare ho avuto un colloquio con Roberta, l’attuale insegnante, sono rimasto attratto da lei, dal suo modo cortese e gentile di illustrare in dettaglio in che cosa consisteva il metodo feldenkrais…, poi iniziando il corso ho avuto conferma anche della sua ottima preparazione e soprattutto della grande capacità di insegnamento e coinvolgimento di tutto il gruppo di lavoro.

Ora posso dire con convinzione di praticare questa disciplina con amore e piacere; non mi sono mai annoiato durante le lezioni (durano 1,5 h), anzi, spesso ho la sensazione che  la lezione duri solo 10 min, tanto è piacevole che il tempo sembra passare velocemente.

Inoltre spesso mi capita di seguire gli esercizi piacevolmente anche ad occhi chiusi, ascoltando le indicazioni  trasmesse con precisione e armonia.

Nell’arco di questi 2 anni di training ho notato alcuni miei benefici…:

  • Primo tra tutti una migliore flessibilità e armonia nei movimenti…, tutto questo accompagnato da una riduzione di stress e consapevolezza del corpo.

  • Vivo la vita con più gioia assaporandone con più forza i piaceri e le sensazioni…, questo mi porta ad avere più coinvolgimento nei rapporti umani…, tale che a volte ho la sensazione di essere punto di attrazione anche verso coloro che incontro per la prima volta.

  • Alcune sensazioni che provo durante le lezioni sono l’assenza di pensieri esterni e rilassamento, con la percezione piacevole dei movimenti del corpo.

All’età di 65 anni ho iniziato a praticare gli esercizi di Feldenkrais, certo non è mai troppo tardi, però se questo fosse avvenuto 15-20 anni prima, sicuramente avrei affrontato la vita con più consapevolezza. 

Lina M.:

Due parole  sul Feldenkrais di Roberta: 

Il mio corpo diventa un puzzle…che si  può scomporre e ricomporre.

I miei sensi si dilatano  e si affinano fino a sentire da ferma il movimento e le posizioni che si devono e possono assumere .

Roberta ci conduce con sapienza in questa esperienza molto positiva.

Domizia C. :

Il mio incontro con Roberta ha segnato un punto di svolta decisivo nel mio personale percorso olistico .

Partecipare alle sue straordinarie lezioni Feldenkrais mi  ha dato una nuova consapevolezza del mio corpo e delle sue infinite possibilità insieme alla capacita di saper gestire autonomamente questioni fisiche ed emozionali .

Mi riferisco ad una maggiore sufficienza che va da questioni fisiche tipo contratture e dolori a situazioni più legate alla sfera interiore come emozioni o stress .

Roberta , con la sua infinita grazia e capacità di mettere a proprio agio chiunque , possiede la chiave per accedere a questa dimensione e quindi permettere a noi stessi l’accesso; direi una sorta di tramite e convogliatore di energie che può darci grandi doni.

A lei quindi il mio sentito grazie e un forte abbraccio.

Samantha  G.:

Vorrei parlare del mio approccio al mondo Feldenkrais…due anni fa ho fatto parte di un gruppo di persone che praticavano questo metodo per me completamente sconosciuto.

Era molti anni che non mi muovevo a seguito di un tumore al seno mi ero preclusa ogni possibilità….ho iniziato ed ero diffidente poi ho capito che non dovevo essere brava o meno dovevo fare solo dei movimenti per assecondare il mio corpo…movimenti piccoli morbidi armoniosi….io amo quando la nostra amica Roberta ci proiettava indietro nel tempo e tornavamo bambini…quella sensazione la ricordo ancora.

Apro e chiudo parentesi Roberta è una delle persone che maggiormente mi trasmette positività e gioia di vivere.

Tiziana  A.:

Un breve bilancio della mia prima stagione al Felden Lab.

Ho raggiunto lo scopo di ritrovare la parte flessibile e morbida del mio corpo, dopo un fermo attività di circa 5 anni.

In particolare le lezioni sul lasciare andare corpo e testa, sollevandoli e muovendoli attraverso la forza di mani e braccia (scusate la spiegazione poco tecnica) mi sono tornate particolarmente utili nella prima fase post operatoria del mio recente intervento di tiroidectomia totale.

Ho tenuto fermo il mio obiettivo principale, cioè arricchire il mio bagaglio umano, poiché ho la fortuna di incontrare sempre nuove e belle persone su ogni mio percorso e anche in questo caso così è stato.

Mi sono inserita in un gruppo già formato e collaudato e parteciperò  sicuramente alla prossima stagione; non sarà “Sex and the city” ma le mie compagne di corso sono sicuramente più fascinose, toste e  strampalate (per dirla alla Sandra) di quelle quattro sgallettate della serie TV.

Detto, anzi scritto questo visto che in questo periodo parlo ancora meno di prima, grazie a tutti, grazie Roby, buona estate e arrivederci a settembre.

Eugenio D.:

Da comandare a lasciar andare e lasciarsi andare

Da poco tempo ho cominciato a praticare il metodo Feldenkrais nello studio di Roberta Gargiulo in via Stelvio 14. Non ho fatto ancora molti passi negli esercizi e non posso dire che mi siano molto facili da fare. E perciò non posso parlare di un’esperienza vera e propria. Invece, mi sento di poter dire qualcosa sulla filosofia che, secondo una mia intuizione, c’è dietro e che esprimo sinteticamente.

Una volta quando ero giovane sono stato invitato ad accompagnare un gruppo di amici a salire una montagna a cavallo. Il cammino era lungo e tortuoso, ed io pensavo di dover guidare il cavallo per evitare che inciampasse contro le pietre.

Uno degli amici, molto conoscitore della montagna mi ha detto, invece: lascia il cavallo andare da solo, senza guidarlo, lui sa dove mettere le zampe. Era proprio vero. La stessa cosa succede con il nostro sistema nervoso. Da comandare con la mente a lasciar andare e lasciarsi andare…

 Questa è la filosofia del Feldenkrais e quello che ho capito.

Quando ti trovi psicologicamente bloccato, appesantito, capisci che ci sono circostanze della tua vita che vanno rivisitate, per sapere dove è rimasta intrappolata la ruota.

E magari decidi di andare da uno psicanalista ma intanto, vai da Roberta, che ti introdurrà nel metodo Feldenkrais e nella sua filosofia liberatrice del corpo e della mente.

Per tutti coloro che fossero interessati a fare una Lezione di prova di Gruppo o una Integrazione Funzionale individuale, possono contattarmi al 3404562834.

Vi aspetto! 

close

Iscriviti alla Newsletter